IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Trascorrersi

Andare in basso 
AutoreMessaggio
InPuntadiPenna

avatar

Numero di messaggi : 983
Data d'iscrizione : 01.10.08

MessaggioTitolo: Trascorrersi   3/10/2008, 18:28


Basterebbe contare giorni per accorgermi di un tempo di spalle. Non basta l’avercelo un moto per sentire la vita abbracciare ancora i miei passi. Capita aprendo ricordi, di allontanare cammini futuri lasciando di stallo i pensieri. Alchimie interiori combattono un senso dovuto all’essere materia plasmata, che ancora desidera appartenere ad altre forme, altri impasti. Ho fissato occhi in foto raccolte su fogli patinati coperti da fine velina, concepita quasi a nascondere, un poco, stupore al viaggio ineluttabile di stagioni. Visi fermati nel gesto che era, rimandati a segnare il tempo che un angolo fa, sembrava ieri. C’è un forziere in me da qualche parte, in cui posare nomi, passaggi che danno postura al quotidiano. Sono un trascorso, un pezzo, un semilavorato; altro non chiedo che essere compiuto, o meglio, affinato. Non per grazia da mostrare, ma per offrire valore alle maree del cuore: oggi si arena, domani avrà mare sotto che gorgoglia. Guardo una striscia bianca lasciata in cielo da aeroplano, vedo misura retta che l’azzurro cancella impaziente, come a ricordare che nulla si trattiene, tutto è luce che si spegne in un tempo. C’è cadenza più comoda negli anni che si adagiano. Come giorni in primavere, allungano luce sulla terra. Visioni più morbide salgono a darmi calore, mutando nel dentro quello che fu impazienza alla vita: gioventù! Messa a riposo come campo esausto da troppi raccolti. E’ un lampo il passato, abbaglia e spaventa per com’è fuggito. Serve coraggio e un lembo di stoffa da offrire alle spalle di chi ti sta accanto per seguire orizzonti. Unica via da ascoltare, resta un cammino di due. Quel lembo è promessa di attesa che tutto diventi accaduto, vissuto. Sarà vedere negli occhi di un figlio la luce dei nostri anni migliori a darci conforto. Dentro un bagliore respireranno impressi i nostri credo, seguendo una strada venuta lontano. Lego ancora ricordi serrandoli a nodo e dove pensiero è dolore, stringo più forte. Così mi trascorro, perdendo ogni tanto una storia che odora di affetti, di madri, di padri, di vite sfiorate nel gesto del tempo che segna ogni cosa. Nulla è per sempre, nulla è dovunque. Non c’è vuoto da colmare né grido da soffocare. Resta una strada appesa ad un braccio curvato che intrecci col mio destini e sorrisi.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Trascorrersi
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: PUBBLICAZIONI PER AUTORE :: Tenore58-
Vai verso: