IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 COHEN

Andare in basso 
AutoreMessaggio
InPuntadiPenna

avatar

Numero di messaggi : 983
Data d'iscrizione : 01.10.08

MessaggioTitolo: COHEN   4/10/2008, 15:18

Nevicava ed eravamo al caldo. Gli occhi già confusi. La voce di Cohen invitava a celebrare il rito. Ti amavo, ma, pensavo, di un amore inutile. I tuoi seni mi parvero un regalo alla mia solitudine. Feltre imbiancava e le mie mani si ricoprirono di sangue.
Avevi una ferita sopra l’origine del mondo. Una cicatrice aperta di stigmate da somatizzazione. Cercai di indovinare quale fosse il tuo dolore, in quella casa dove le pareti inseguivano le pareti e le stanze antiche sfinivano in altre stanze e così fino a perdere la partenza e il ritorno. Anche nelle case si viaggia. Nella tua, la linea più breve fra due stanze era un arabesco di ricordi, di zii, di nonni, di troppo tempo andato. Cohen cantava e mi scioglievo nella tua carne, senza comprendere che eri davvero curiosa di me e delle mie parole. Le parole. Anche allora, quando ero giovane, mi davano forza e posto nel mondo. Nevicava e per ogni fiocco una parolabacio. In Puglia, le parole erano lunghe e fredde di maestrale o aride di scirocco o umide di salsedine. Fra i tuoi seni franava il senso e il sesso fondeva tutte le parole nel gemito di esistenza. Ora, i nostri occhi li pensiamo ancora giovani. E’ il dono della lontananza. Le estati e i viaggi mi riconducono a Feltre e sempre invidio la vita che i tuoi figli ti regalano. Poche parole. Conosciamo il dolore e provammo la gioia. Nevicava a Feltre. Poi in estate mi prese il freddo.


http://www.inpuntadipenna.org/in-punta-di-prosa-f1/cohen-t704.htm
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
COHEN
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: PUBBLICAZIONI PER AUTORE :: Gocciadisplendore-
Vai verso: